Il logo di BP ridisegnato dalla rete

Bella la pensata di Greenpeace in Gran Bretagna, che ha chiesto agli internauti di fare un re-design del logo BP alla luce di quanto successo nel Golfo del Messico. Già, perché il logo BP con quel girasole o girasole giallo-verde (verde…!?) è la cosa meno adeguata alle attività che BP porta avanti ed ai disastri incalcolabili causati all’ambiente. Il logo … Continua a leggere

Marea nera: le dimensioni effettive (impressionante)

Vi siete mai chiesti quali siano le dimensioni effettive della marea nera nel Golfo del Messico? E che cosa significherebbe averla a casa nostra? Emblematica l’iniziativa di un piccolo sito (http://www.ifitwasmyhome.com/) che permette all’utente di muovere sulla mappa la mortale marea nera. Una cosa impressionante che ci da’ il senso della misura del disastro ecologico in atto e di cosa … Continua a leggere

Marea nera: l’uragano Alex declassato a tempesta tropicale

L’uragano Alex, dopo avere colpito nella notte le coste settentrionali del Messico, è stato declassato al rango di tempesta tropicale e non rappresenta per il momento un’emergenza per l’area della marea nera nel Golfo del Messico. Alex, il primo uragano della stagione, oltre che il primo uragano negli ultimi 15 anni a formarsi già nel mese di Giugno, ha toccato … Continua a leggere

Marea nera: gli ultimi disastri di BP, tartarughe bruciate vive e altre aberrazioni

Mentre si attendono con trepidazione gli sviluppi metereologici, con un uragano in probabile arrivo, che potrebbe disperdere ulteriormente la marea nera nel Golfo del Messico, si segnalano altre aberranti errori da parte di BP, che a questo punto rischia di fallire o di avere la reputazione rovinata per sempre. E’ notizia recente (via APCOM che riprende un articolo del Guardian) … Continua a leggere

Marea nera: finalmente la BP riesce a combinare qualcosa…

Dopo i primi tentativi infruttuosi, finalmente la British Petroleum sembra stia riuscendo a combinare qualcosa di buono per arginare il disastro ambientale della marea nera del Golfo del Messico: nella notte la soluzione “siringone” ha avuto il suo primo successo e ora il tubo aspiratore calato dalla BP sta aspirando circa un quinto del greggio fuoriuscito, cioè circa 1.000 barili … Continua a leggere